Via Francigena patrimonio UNESCO? Una candidatura possibile

Via Francigena patrimonio UNESCO

Giovedì 12 e Venerdì 13 Ottobre 2017, si sono svolte presso il Real Collegio di Lucca due conferenze sulla Via Francigena e sulla sua candidatura a patrimonio UNESCO.

La candidatura della Via Francigena nel tempo non si è rivelata facile, perché è stato necessario l’accordo di tre stati europei e di sette regioni italiane. Infatti fin dal 1994 è stato riconosciuto l’itinerario culturale della Via Francigena, ma solo nel Giugno del 2015 si è giunti a un accordo tra i Comuni e le Regioni attraversate dal percorso ed è stato possibile avviare il processo di candidatura come sito UNESCO (almeno per quanto riguarda l’itinerario italiano). Attualmente, sono in corso lavori tecnico scientifici per arrivare a  inserire la Via Francigena nella lista UNESCO presso il Ministero entro l’estate 2018, ma non è possibile prevedere né quando esso proporrà le candidature all’UNESCO né l’esito della candidatura.

A prescindere da tutto questo, è stato importante presentare la Via Francigena, che possiede un grande valore simbolico, in quanto è una strada a livello europeo e può incarnare i valori dei diversi paesi attraversati, aiutando il dialogo l’integrazione e favorendo un turismo sostenibile.